Giornata Mondiale degli Oceani: numeri che allarmano!

Nonostante i numerosi vantaggi che gli oceani ci offrono, non sono mai stati più a rischio di quanto lo siano oggi. Oggi è una giornata di riflessione e consapevolezza che ci invita a pensare a come dovremmo proteggerli.

Día Mundial de los Océanos 8 de junio
“L'oceano: vita e sostentamento" è il tema della Giornata degli Oceani 2021.

L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite tenutasi il 5 dicembre 2008 ha deciso, su iniziativa del Canada e con la risoluzione 63/111, che dal 2009 in poi si celebri ogni 8 giugno la Giornata Internazionale degli Oceani.

Secondo quanto sottolineano le Nazioni Unite, l'oceano copre oltre il 70% del pianeta e produce almeno il 50% dell'ossigeno del pianeta. Ha un effetto enorme sul nostro clima ed ospita la maggior parte della biodiversità della Terra oltr ad essere la fonte primaria di proteine per oltre un miliardo di persone in tutto il mondo.

L'oceano è inoltre fondamentale per la nostra economia, si stima che, entro il 2030, ci saranno circa 40 milioni di lavoratori nell'intero settore oceanico. Nonostante i numerosi vantaggi che gli oceani ci offrono, non sono mai stati così a rischio come lo sono oggi. Per proteggere e preservare l'oceano e tutto ciò che supporta, dobbiamo creare un nuovo equilibrio, radicato in una vera comprensione dell'oceano e del modo in cui l'umanità si relaziona con esso. Dobbiamo costruire una connessione con l'oceano che sia inclusiva, innovativa e basata sulle lezioni del passato.

Numeri in rosso

Gli oceani sono fortemente influenzati dall'attuale riscaldamento globale causato dalle attività umane. L'oceano assorbe circa il 23% delle emissioni annuali di CO2 di origine antropica nell'atmosfera e funge da cuscinetto contro i cambiamenti climatici. Tuttavia, la CO2 reagisce con l'acqua di mare, riducendone il pH e provocando l'acidificazione dell'oceano.

Questo a sua volta riduce la sua capacità di assorbire CO2 dall'atmosfera. L'acidificazione e la deossigenazione degli oceani alla fine porta a un impatto sugli ecosistemi, sulla vita marina e sulla pesca. L'oceano assorbe anche più del 90% del calore in eccesso dalle attività umane. Il più alto contenuto di calore oceanico mai registrato è stato registrato nel 2019 e questa tendenza probabilmente è continuata nel 2020.

Il tasso di riscaldamento degli oceani nell'ultimo decennio è stato superiore alla media a lungo termine, indicando un continuo assorbimento di calore intrappolato dai gas serra. Si stima che oltre l'80% dell'area oceanica abbia subito almeno un'ondata di caldo marino nel 2020.

Il livello medio globale del mare è aumentato e negli ultimi anni lo ha fatto a un ritmo più elevato, in parte a causa dell'aumento del rapido scioglimento delle calotte glaciali in Groenlandia e in Antartide. Il ghiaccio marino si sta sciogliendo, con profonde ripercussioni per il resto del mondo, attraverso il cambiamento dei modelli meteorologici e l'accelerazione dell'innalzamento del livello del mare. Nel 2020, il minimo annuale di ghiaccio marino nell'Artico è stato tra i più bassi mai registrati, esponendo le comunità polari a inondazioni costiere anomale e le parti interessate, come la navigazione e la pesca, ai pericoli del ghiaccio marino.

Si stima che le calde temperature dell'oceano abbiano contribuito ad alimentare una stagione record degli uragani atlantici nel 2020 e contribuiscano a un'altra stagione particolarmente attiva nel 2021. Dato che circa il 40% della popolazione mondiale vive entro 100 km dalla costa, c'è un urgente bisogno di proteggere le comunità dai rischi costieri, come erosione, mareggiate e innalzamento del livello del mare, attraverso sistemi migliorati di allarme rapido multi-rischio e previsione basata sull'impatto.