ilmeteo.net

Gli haboob spazzano l'Arabia Saudita, i video sono impressionanti!

In Arabia Saudita sono state vissute ieri scene che ricordavano alcuni film di fantascienza, con enormi tempeste di sabbia (o haboob) che hanno lasciato dietro di sé una significativa perdita di visibilità e intense raffiche di vento.

Nonostante le tempeste di sabbia siano frequenti nella Penisola arabica, il 12 marzo sono state particolarmente intense e spettacolari, soprattutto nell'estremo nord dell'Arabia Saudita, dove ci sono stati momenti di difficoltà a causa di intense raffiche di vento e perdita di visibilità che a volte è scesa sotto i cinque metri. In Africa e in Medio Oriente questo fenomeno è noto come haboob, che significa vento forte in arabo, e sono anche conosciuti come khamsin o simoun.

Tuttavia negli ultimi anni il termine haboob è diventato molto popolare tra meteorologi ed appassionati di meteo in altre parti del mondo. Di solito hanno origine da forti correnti discendenti che si verificano durante alcuni temporali. Queste correnti, nelle aree desertiche, tendono a sollevare muri di sabbia lunghi chilometri e alti fino a 1 o 2 chilometri, inghiottendo tutto sul loro percorso.

Il 12 marzo ci sono state diverse imponenti tempeste di sabbia in Arabia Saudita, anche se le più impressionanti sono state quelle che si sono formate nella provincia di al-Hudud ash-Shamaliyah (confine settentrionale). Ad Arar, capoluogo di provincia, si sono verificati numerosi problemi di circolazione dovuti alla scarsa visibilità, a causa delle elevate concentrazioni di sabbia e polvere. Problemi anche nella parte occidentale del paese, ad esempio nei dintorni della Mecca e Medina, dove le raffiche di vento associate a questi haboob hanno superato i 100 km/h, rompendo i pali delle utenze e provocando la caduta di oggetti. Le condizioni meteorologiche erano favorevoli alla formazione di questo fenomeno spettacolare e scene simili si sono verificate nelle regioni e nei paesi vicini.