ilmeteo.net

Straordinario traguardo: abbiamo "toccato il Sole" per la prima volta

La navicella spaziale si è addentrata nell'alta atmosfera ad aprile, raggiungendo un traguardo senza precedenti. Continuerà a fare orbite sempre più strette vicino al Sole fino al 2025, alla ricerca di una migliore comprensione della nostra stella.

Sonda Parker Sole NASA
Immagine fornita dalla NASA che mostra il rendering di un artista della sonda solare Parker che si avvicina al Sole. Foto: Steve Gribben / AP

Una sonda spaziale della NASA ha ufficialmente "toccato" per la prima volta il Sole, entrando nella sua atmosfera superiore, o corona solare, per campionare particelle e campi magnetici dalla nostra stella. La notizia è stata confermata questo martedì 14 dicembre durante un incontro dell'American Geophysical Union. La ricerca su questo traguardo storico è stata pubblicata su Physical Review Letters.

La sonda solare Parker in realtà aveva sorvolato la corona solare nel mese di aprile, nel corso dell'ottavo avvicinamento del veicolo spaziale al Sole. Gli scienziati hanno affermato che ci sono voluti alcuni mesi per recuperare i dati e poi molti altri mesi per confermarli.

Continuano gli avvicinamenti al Sole

Lanciata nel 2018, Parker si trovava a 13 milioni di chilometri dal centro del Sole quando ha attraversato per la prima volta il confine frastagliato e irregolare tra l'atmosfera solare e il vento solare in uscita. Il veicolo spaziale è entrato ed è uscito dalla corona almeno tre volte, ciascuna con una transizione graduale, hanno osservato gli scienziati.

I dati preliminari suggeriscono che Parker si è tuffato nella corona durante il suo nono avvicinamento ravvicinato ad agosto, ma gli scienziati hanno affermato che sono necessarie ulteriori analisi. Il decimo avvicinamento al Sole è avvenuto nel mese di novembre.

Parker continuerà ad avvicinarsi sempre di più alla corona solare fino alla sua grande orbita finale nel 2025. In totale, avrà effettuato 21 avvicinamenti in 7 anni durante la sua missione.

Un'impresa straordinaria

"Il fatto che la sonda abbia toccato il Sole è un momento culmine per la scienza solare e un'impresa straordinaria", ha affermato in una dichiarazione l'amministratore associato del consiglio delle missioni scientifiche della NASA, Thomas Zurbuchen. Per lo scienziato, questo risultato consentirà ai ricercatori di comprendere meglio l'evoluzione dell'"astro re" e i suoi impatti sul sistema solare, oltre a poter estrapolare tutte le nuove conoscenze ottenute alle stelle del resto dell'universo.

"Volando così vicino al Sole, la sonda solare Parker ora rileva condizioni nello strato dominato magneticamente nell'atmosfera solare, la corona, che non siamo mai stati in grado di rilevare prima", ha affermato Nour Raouafi, scienziato del progetto Parker presso il Johns Hopkins Laboratory of Applied Physics a Laurel, Maryland, in una dichiarazione. "Vediamo prove di essere nella corona nei dati del campo magnetico, nei dati del vento solare e visivamente nelle immagini. In effetti, possiamo vedere il veicolo spaziale volare attraverso strutture coronali che possono essere osservate durante un'eclissi solare totale", ha aggiunto.