ilmeteo.net

L'Europa è più verde di un secolo fa, ma ci sono delle ombre

Sebbene si dica spesso il contrario, la massa forestale del continente europeo è aumentata fortemente negli ultimi decenni, anche se ci sono alcune ombre: rimboschimenti e foreste sono di qualità inferiore rispetto al passato. Qui ti spieghiamo di più.

foreste malate
La massa forestale europea è aumentata in modo significativo negli ultimi decenni, ma... come sono queste nuove foreste?

A volte il detto "più è, meglio è" non si realizza. Un esempio può essere quello dell'informazione, dal momento che una quantità maggiore di notizie non necessariamente comporta una qualità superiore, come abbiamo visto negli ultimi tempi con bufale, fake news o sensazionalismo.

Un'Europa molto più verde di un secolo fa, ma...

Un altro esempio è quello presentato da un recente studio coordinato dall'Università del Vermont negli Stati Uniti, in collaborazione con altre università europee, in cui si afferma che l'Europa non era così verde (prendendo come riferimento la massa forestale) da secoli. In molti casi la vegetazione ha occupato campi coltivati che sono stati abbandonati, nel processo di abbandono delle campagne verso le città.

Di fronte alle bufale secondo cui l'Europa sta diventando un deserto, la realtà è ben diversa. La massa forestale del continente non era stata così estesa da molti secoli. E quali problemi può causare questo? Una buona foresta è una foresta sana, ma non deve essere necessariamente grande. Infatti, questa rapida crescita delle aree verdi si traduce in un notevole proliferare di malattie, parassiti e incendi.

Riforestazione di cattiva qualità

Dopo aver studiato le pratiche di riforestazione dell'ultimo decennio in più di una dozzina di paesi, i risultati suggeriscono che non hanno cercato di imitare in nessun momento i modelli caratteristici della natura, cioè la vegetazione climax. Inoltre, questo tipo di riforestazione era la più comune in tutti questi paesi. Non sono state, insomma, create foreste ricche di specie e di età e dimensioni diverse, o su suoli e terreni diversi. D'altra parte, negli ultimi decenni c'è stata la tendenza a scegliere una specie specifica e piantarla in griglie perfette e facilmente accessibili (in pianura o senza molta pendenza), dove tutti gli esemplari hanno la stessa età, come se fossero cloni o fratelli gemelli.

Masse forestali omogenee altamente vulnerabili ai cambiamenti climatici, agli incendi, ai parassiti...

Secondo William Keeton, uno dei ricercatori che hanno partecipato allo studio, quasi il 75% delle foreste dell'Unione europea "tende all'omogeneizzazione" a causa di queste pratiche di riforestazione. Sebbene i responsabili politici annuncino spesso questi rimboschimenti come un bene per la conservazione della biodiversità, della cattura di CO₂ o della protezione dai processi di erosione e dalle inondazioni, la realtà è molto diversa. Lo studio afferma che soltanto il 10% delle foreste nell'Unione europea non viene gestito senza l'obiettivo dello sfruttamento del legno.

rimboschimenti
In Spagna è comune trovare rimboschimenti di pioppi o pini che formano reticoli enormi e perfetti. È un esempio di rimboschimento inadeguato.

Il problema con queste foreste "artificiali" o impoverite e quelle naturali che le circondano, è che finiscono per diventare una massa forestale vulnerabile allo stress ambientale, ai parassiti, agli incendi e ai cambiamenti climatici. Ad esempio, se in una foresta troviamo una sola specie, questa sarà molto vulnerabile all'arrivo di alcuni parassiti, che provocherebbero un disastro ambientale. Questi infatti si diffondono a macchia d'olio e finiscono per colpire la foresta intera. Alcune specie comunemente utilizzate nei rimboschimenti, inoltre, aiutano a propagare rapidamente l'incendio.

Le attuali pratiche di riforestazione devono essere modificate

In Spagna è molto comune osservare questo tipo di rimboschimento omogeneo. Chiunque abbia viaggiato per il paese avrà notato grandi griglie composte da centinaia di pioppi, pini, querce da sughero o rovere piantate su filari ordinati. I ricercatori concludono nello studio che le foreste che sono state adeguatamente riforestate, seguendo gli schemi naturali di quella zona, ospitano gli ecosistemi propri dei terreni che occupano e rappresentano un beneficio incalcolabile in molte aree, quindi dovrebbero essere incoraggiate dalle autorità.

In Spagna è comune vedere grandi griglie di alberi che sono state soggette a rimboschimento, sebbene queste "foreste artificiali" siano molto vulnerabili agli incendi, ai parassiti e ai cambiamenti climatici.

C'è speranza per iniziare a fare le cose per bene? Secondo Keeton, il suo lavoro è il primo a dimostrare che le pratiche forestali dell'Unione europea potrebbero imitare gli habitat originali, producendo un numero maggiore di ecosistemi più sostenibili e resilienti. Il resto spetta all'UE, che ha la soluzione nelle sue mani.