ilmeteo.net

Il 6 ottobre si celebra la Prima Giornata Mondiale della Geodiversità

Si celebra per la prima volta il 6 ottobre del 2022 la Giornata Mondiale della Geodiversità. Cos'è la diversità geologica, perché è così importante e strettamente legata alla biodiversità, cosa sono i Geositi e i Geoparchi? Ecco alcune curiosità.

pirenei
Il paese di Ainsa in primo piano, con la Peña Montañesa sullo sfondo, nell'area del Sobrarbe, in Aragona (Spagna).

La 41° sessione della Conferenza Generale dell'UNESCO, tenutasi a Parigi nel 2021, ha individuato il 6 ottobre come data per celebrare ogni anno a livello mondiale la Giornata Internazionale della Geodiversità, in inglese "International Geodiversity Day".

Lo scopo di questa Giornata è di sensibilizzare la società sull'importanza che la natura “non vivente” ha per il benessere umano e per la gestione sostenibile dell'intero pianeta. Molto spesso infatti si conosce l'importanza della biodiversità, che è però strettamente legata alla geodiversità. Esattamente come la biodiversità, anche la geodiversità è minacciata e sempre più compromessa dalle attività umane.

Nonostante le molteplici funzioni offerte dalla diversità geologica, la maggior parte delle persone non è consapevole di quanto ne siamo dipendenti come società, scrive l'Unesco nella pagina ufficiale dedicata a questa giornata. Nel riconoscere l'importanza della geoscienza nel risolvere le principali sfide che l'umanità deve affrontare oggi, la Conferenza generale dell'UNESCO ha proclamato questa Giornata internazionale della geodiversità che a partire dal 2022 si terrà ogni 6 ottobre.

Cos'è la geodiversità?

La geodiversità è definita come la varietà degli elementi non viventi della natura, includendo i minerali, le rocce, i fossili, il suolo, i sedimenti, le montagne, la topografia, i processi geologici e morfogenetici, e gli elementi idrologici come fiumi e laghi.

La diversità geologica (geodiversità) si riferisce alla porzione naturale del pianeta che non è viva, sia in superficie che all'interno del pianeta. Il termine geodiversità abbraccia anche i processi che creano e modificano queste caratteristiche. Esempi eccezionali di geodiversità sono conservati nei Geoparchi mondiali dell'UNESCO in tutto il mondo.

Nonostante il termine "geodiversità" sia stato adottato solo negli anni '90, in grande ritardo rispetto al ben conosciuto concetto di biodiversità, geodiversità e biodiversità sono unite da una strettissima relazione.

La diversità geologica è alla base della biodiversità, perché la potenzialità ed eterogeneità delle comunità biologiche viventi è legata strettamente alla varietà degli ambienti geologici. Esiste una complessa ma stretta connessione tra il mondo vivente e quello non vivente, e non si può proteggere la biodiversità senza proteggere anche la geodiversità, e quindi senza conoscerla. I caratteri geologici, geomorfologici, idrologici e pedologici (cioè legati al suolo) caratteristici di una data area sono determinanti per le diverse specie che vivono in tali territori.

Si può quindi affermare che la conservazione della geodiversità e la tutela del patrimonio geologico contribuiscono a combattere la perdita della biodiversità ed al mantenimento dell’integrità degli ecosistemi.

Le rocce e i processi geologici svolgono ruoli di servizio regolatori fondamentali e sono fondamentali per la formazione dei suoli e di un'ampia varietà di risorse geologiche che sono anche alla base dello sviluppo economico e sociale dell'umanità.

maiella abruzzo
Il massiccio della Maiella, in Abruzzo, lungo la catena montuosa degli Appennini.

Questo aspetto viene sottolineato dall'Unesco, che ricorda ad esempio come la geodiversità supporti la produzione alimentare, la gestione dell'acqua e la produzione di energia. Fondamentale anche per la transizione “verde”: le risorse minerarie, se usate con saggezza, possono creare ricchezza e posti di lavoro decarbonizzando lo sviluppo, tutti prerequisiti per un futuro sostenibile, ricorda l'agenzia dell'ONU.

La comprensione dei processi geologici è fondamentale inoltre per esplorare il passato e prepararsi per il futuro. La geodiversità può fornirci informazioni ad esempio sull'impatto del cambiamento climatico in diversi periodi della storia della Terra e anche sull'impatto di eventi catastrofici come lo schianto dell'asteroide che causò la scomparsa dei dinosauri 65 milioni di anni fa.

La conoscenza scientifica su come si verificano in natura i processi geologici e geomorfologici è estremamente importante anche per la prevenzione del rischio di catastrofi (terremoti e tsunami, vulcani, inondazioni, frane, ecc.), per capire come il clima può cambiare in futuro, per la pianificazione e la gestione del territorio.

L'Unesco sottolinea anche l'importanza della geodiversità per il turismo, in particolare per quel ramo del turismo interessato alle diversità geologiche noto come geoturismo, interessato alla visita di particolari formazioni rocciose sulle montagne, nelle grotte e sulle coste marine, producendo significativi benefici economici e rafforzando l'identità delle comunità locali e indigene.

Esempi eccezionali di geodiversità sono conservati nei 177 Geoparchi mondiali dell'UNESCO situati in tutto il mondo, in 46 paesi.

Oltre ai Geoparchi, i Geositi

In Italia, il paese con più siti culturali e naturalistici Patrimonio dell'Umanità (sono 58), ci sono ben 11 Geoparchi Unesco. Numerosi i Geoparchi anche negli altri paesi d'Europa e di altre aree del mondo. Oltre ai Geoparchi ci sono anche i Geositi, (in inglese "Geosites") che rappresentano la geodiversità di un territorio, intesa come gamma dei caratteri geologici, geomorfologici, idrologici e pedologici (cioè legati al suolo) caratteristici di una data area.

Secondo la definizione comunemente accettata “un geosito può essere definito come località, area o territorio in cui è possibile individuare un interesse geologico o geomorfologico per la conservazione (W.A. Wimbledon, 1996)”. In
Italia il Servizio Geologico, già a partire dagli inizi degli anni 2000 (in collaborazione con Università di Genova, ProGEO e SIGEA) ha sviluppato attività inerenti il patrimonio geologico; in particolare gestisce l’Inventario Nazionale dei Geositi italiani e sostiene le diverse iniziative che, sul territorio nazionale, sono volte alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio geologico.

Ad oggi l’inventario comprende circa 3000 geositi censiti sul territorio nazionale italiano. Si tratta di un numero che si modifica in continuazione.

eruzione
Il vulcano di Stromboli in eruzione.

Prima Giornata della Geodiversità in Italia, gli eventi


Per celebrare la prima giornata della diversità geologica in Italia, la Società Italiana di Geologia Ambientale, ISPRA e l'Ordine dei Geologi del Lazio organizzano a Roma un convegno, che terminerà con la premiazione del concorso “Fotografa i geositi d’Italia”, promosso da ISPRA e SIGEA e rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

La Giornata ricade coincide inoltre con la celebrazione della Settimana del Pianeta Terra, una settimana dedicata alla divulgazione geologica che si sta tenendo dal 2 ottobre in tutta Italia, e che si concluderà il 9.