ilmeteo.net

Inizia la stagione del vortice polare: come sarà l'inverno 2022/2023?

Come ogni anno, a fine agosto inizia a formarsi il vortice polare stratosferico dell'emisfero boreale, che si rafforzerà nei prossimi mesi. In base al suo comportamento definirà il nostro prossimo inverno. Ecco le previsioni: come sarà l'inverno 2022-2023?

vortice polare
Vortice polare d'alta quota nella stratosfera media durante l'inverno. I colori scuri mostrano temperature fredde mentre i colori chiari mostrano temperature più calde.

Nella stratosfera del polo nord, alta circa 8-10 km, si sta formando quello che è noto come vortice polare. Un sistema di bassa pressione che emerge a fine agosto, per il raffreddamento delle alte latitudini, e permane fino alla fine dell'inverno. Sia la sua situazione attuale che il suo comportamento nei prossimi mesi definiranno il tempo in Europa e nel Nord America durante questo autunno e inverno.

Cos'è il vortice polare?

Man mano che ci avviciniamo all'autunno, le regioni polari iniziano a ricevere meno luce solare, le temperature scendono e al Polo Nord inizia il raffreddamento stagionale. Quando la temperatura scende nelle regioni polari, diminuisce anche la pressione, sia in superficie che nella stratosfera.

Il vortice polare generato dal raffreddamento stagionale del polo nord, è una vasta area ciclonica che ruota su tutto l'emisfero settentrionale e va dal suolo alla sommità della stratosfera.

Mentre le regioni polari si raffreddano, le subtropicali continuano a ricevere enormi quantità di energia solare, creando un forte gradiente di temperatura, e anche di pressione, tra le due. Di conseguenza, una grande circolazione ciclonica a bassa pressione si sviluppa in tutto l'emisfero settentrionale e si estende dalla superficie alla stratosfera. Questa è nota come vortice polare.

Il calo della temperatura stratosferica al polo inizia tipicamente ad agosto, aumentando di intensità nei mesi di settembre e ottobre, raggiungendo infine il suo periodo di massimo raffreddamento a novembre e dicembre, quando il vortice polare è più intenso.

Come si comporta il vortice polare?

Il vortice polare di solito ha due schemi ben definiti che dipendono dai suoi venti in quota e dalla temperatura. Il primo, chiamato vortice polare forte, si trova in alta quota, a circa 30 km nella stratosfera media durante l'inverno. Ha una forma circolare, la temperatura scende rapidamente verso il suo nucleo interno e i suoi venti più forti si trovano tipicamente sul bordo esterno. Questo episodio blocca l'aria fredda nelle regioni polari, creando condizioni climatiche miti negli Stati Uniti e in Europa.

Vortice polare
Modelli di vortici polari: sinistra, forte; destra, debole Fonte: NOAA

Il secondo, molto intuitivo, è il vortice polare debole. Situato ad un'altitudine di 5 km (a quota più bassa, interagisce maggiormente con la montagna e il terreno) e con venti deboli, che fanno scendere l'aria fredda verso le latitudini più basse.

Questo episodio provoca forti nevicate invernali e afflussi di aria fredda polare negli Stati Uniti e in Europa. Normalmente, la fluttuazione di questi modelli è legata a improvvisi riscaldamenti stratosferici che, come indica il nome, sono improvvisi riscaldamenti della stratosfera polare che provocano un indebolimento del vortice, oscillando dal suo stato forte a quello debole.

Come sarà l'inverno del 2022-2023?

Il comportamento del vortice polare e la sua influenza sul nostro inverno dipende, a sua volta, dal fenomeno ENSO (conosciuto da tutti come El Niño e La Niña). Quest'anno predomina La Niña, un andamento climatico che raffredda le acque del Pacifico tropicale e influenza il clima globale e il vortice polare. Storicamente, quando questo evento è attivo, c'è una probabilità del 60-75% circa di un improvviso riscaldamento stratosferico.

I segnali attuali mostrano una maggiore probabilità di un evento di riscaldamento stratosferico a metà inverno, sebbene dipenderà dal posizionamento dei sistemi di alta e bassa pressione del Pacifico settentrionale. In ogni caso, le previsioni ECMWF rafforzano anche questo episodio, con deboli venti zonali nel tardo autunno e all'inizio dell'inverno.

La somma di entrambi i fenomeni, sia La Niña che i venti, indicano un indebolimento del vortice polare, che può tradursi in uno schema più interrotto e in una possibilità di blocco alle alte latitudini, cioè aria più fredda negli Stati Uniti e in Europa.