Le Azzorre spazzate dall'uragano Lorenzo: i video

Le Azzorre sono state spazzate dall'uragano Lorenzo in questo mercoledì 2 ottobre del 2019, con venti fino a 150 km/h e onde molto alte che hanno inondato le aree costiere. I video della giornata.

Lorenzo Pasqualini Lorenzo Pasqualini 02 Ott 2019 - 18:08 UTC

L'uragano Lorenzo ha investito l'arcipelago portoghese delle Azzorre in questo mercoledì 2 ottobre 2019, con venti fortissimi, fino ai 150 km/h (picchi anche di 160 km/h). Quando il ciclone ha investito già stamane all'alba la parte occidentale dell'arcipelago, in particolare le isole di Flores, Corvo, Pico, Faial, era classificato come uragano di categoria 1 nella scala Saffir-Simpson.

Soltanto pochi giorni prima era arrivato al massimo, la categoria 5, entrando nella storia come il primo uragano con queste caratteristiche - da quando disponiamo di dati - a formarsi nell'Atlantico orientale.

Il 2 ottobre è stata una giornata vissuta con apprensione nella parte occidentale delle Azzorre, con vento fortissimo e una mareggiata storica. Ci sono state inondazioni lungo la costa per la crescita del livello del mare, con onde di oltre 15 metri che hanno invaso i porti e le aree litoranee causando non pochi danni. Sono state le onde ed il vento a causare i maggiori danni, perché le precipitazioni sono state assenti o scarse.

Nonostante la violenza con cui le Azzorre sono state colpite da Lorenzo, le cose sono andate bene ed il servizio di Protezione Civile ha comunicato con sollievo, in serata, l'assenza di feriti. Ci sono state decine di chiamate ai soccorsi ed alcune decine di persone evacuate, ma nessuno ha subito danni per il passaggio di questo enorme ciclone.

Ciclone che, nelle prossime ore, continuerà a perdere forza e si dirigerà verso l'Europa, in particolare verso l'Irlanda, dove arriverà giovedì. Come spiegato qui, si trasformerà in tempesta dalle caratteristiche extra tropicali, ed avrà importanti influenze sulla situazione meteorologica europea e dell'Italia dei prossimi giorni.

Pubblicità