ilmeteo.net

Non ci sarà un vaccino contro il cambiamento climatico

La pandemia di Covid-19 ha tolto la crisi climatica dai titoli dei giornali, nonostante sia sempre più urgente adottare misure di adattamento e mitigazione. Oggi, 24 ottobre, Giornata internazionale contro i cambiamenti climatici, dobbiamo prendere coscienza di questa lotta.

Tierra-mascarilla
La attuale pandemia non deve farci rilassare nella lotta ai cambiamenti climatici.

Il Covid-19 ha tolto il cambiamento climatico dalle prime notizie dei notiziari. Prima che la pandemia cambiasse le nostre vite avevamo iniziato a parlare apertamente di "crisi climatica" o "emergenza". Migliaia di scienziati in tutto il mondo stanno lavorando contro il tempo alla ricerca di un vaccino che possa proteggerci dal pericoloso coronavirus. Il numero di coloro che da anni indagano sul clima terrestre è dello stesso ordine, ma non saranno in grado di creare un vaccino che fermi il cambiamento climatico: il massimo a cui aspirano è conoscere sempre meglio i meccanismi del sistema climatico e la sua risposta alle forzanti, tra cui una drastica riduzione della nostra impronta di carbonio.

Quest'anno più di altri, la celebrazione oggi 24 ottobre della "Giornata internazionale contro i cambiamenti climatici", dovrebbe servire a rafforzare l'idea che la sfida più grande che l'umanità deve affrontare è il cambiamento climatico. È normale che ora quello che ci preoccupi maggiormente sia l'immediato: l'incidenza del Covid-19, la paura di ammalarsi e il rischio di morire, ma se ci dimentichiamo completamente della questione climatica, rilassandoci quando adottiamo azioni quotidiane, ci dirigeremo inevitabilmente verso gli scenari peggiori.

Viviendas vulnerables
Molti milioni di persone nel mondo sono estremamente variabili al cambiamento climatico.

In assenza di un impossibile vaccino contro il cambiamento climatico, non ci resta che lottare contro di esso,adattando ciascuna delle misure a nostra disposizione, secondo le possibilità e circostanze. Il tanto atteso ritorno alla normalità, che avevamo prima che la pandemia entrasse in scena, deve passare attraverso una profonda riflessione - sia personale che collettiva - sulle cose che abbiamo fatto prima e che erano chiaramente insostenibili e che ora, con questa finestra di opportunità che ci è stata aperta (nonostante l'elevato costo), dovremmo iniziare a cambiare.

Parlare di cambiamento climatico non è più parlare di futuro, ma di presente. Stiamo assistendo a molti effetti diversi, che ci rendono sempre più difficile adattarci alla nuova realtà climatica, a parte i costi economici che ciò comporta, che sono sempre più insostenibili ogni anno che passa. È difficile capire l'inerzia che c'è stata da quando più di tre decenni fa gli scienziati hanno iniziato ad avvertire della necessità di ridurre le nostre emissioni di gas serra; non solo non siamo riusciti a raggiungere questo scopo, ma abbiamo aumentato le emissioni a un ritmo senza precedenti.

Quello che, a livello dei mass media, è stato chiamato a lungo "riscaldamento globale", in seguito divenne cambiamento climatico; un'espressione sotto cui alcuni si sono rifugiati affermando che si tratta soltanto di uno dei tanti cambiamenti climatici che si sono verificati sulla Terra nella sua storia geologica, riducendo così la responsabilità umana nel fenomeno naturale. La scienza ha però definitivamente dimostrato che l'aumento della temperatura sperimentato negli ultimi decenni sulla Terra non può essere spiegato senza le emissioni di CO2 e di altri gas serra generati dalle nostre emissioni. Si è finalmente parlato, nei mesi del 2019, sempre più spesso di crisi e di emergenza climatica. Il movimento studentesco "Fridays for Future", guidato dalla giovane attivista Greta Thunberg, ha promosso questo nuovo modo di chiamare il problema, fino a che non è arrivata la pandemia ...
Activistas
Gli attivisti "per il clima" ci ricordano costantemente che non esiste un "pianeta B" e che quindi dobbiamo fare cambiamenti profondi nella nostra società per evitare un collasso che sarebbe catastrofico.
Quando nel momento peggiore della prima ondata eravamo tutti confinati nelle nostre case, si è cominciato a discutere se una volta che tutto fosse accaduto, quel movimento sociale che aveva messo l'emergenza climatica sulla bocca di tutti si sarebbe rafforzato o attenuato. Sono passati diversi mesi da allora e la pandemia, che sta attraversando come un rullo compressore le nostre vite, ha tolto molta visibilità a quel movimento che voleva cambiare il mondo e che voleva farlo rapidamente, per evitare che la crisi climatica ci investa con conseguenze ancora più traumatiche. Oggi - giornata del cambiamento climatico - è un buon giorno per far emergere nuovamente la crisi climatica e ricordarci che dobbiamo impegnarci. Vogliamo tutti tornare alla normalità, ma dovremmo farlo resettando molte delle cose che, fino a questo annus horribilis del 2020, non venivano fatte bene. Il riscaldamento globale continua il suo inarrestabile aumento, i suoi impatti raggiungono dimensioni sempre maggiori. Se quando sconfiggeremo il covid-19 con il tanto atteso vaccino (si spera!) prenderemo la ferma decisione di ridurre la nostra impronta di carbonio, non fermeremo subito il cambiamento climatico, ma forse saremo in grado di rallentarlo, il che ci darebbe un po 'di tregua.