ilmeteo.net

TESS scopre un nuovo esopianeta: si chiama TOI-700e

Il telescopio spaziale TESS ha da poco scoperto un nuovo esopianeta in orbita attorno alla nana rossa TOI-700. È il quarto mondo scoperto dal telescopio della NASA.

Esopianeti
Due esopianeti in orbita attorno alla loro stella madre

Lo scopo del telescopio spaziale della NASA denominato Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) è la ricerca di pianeti extrasolari (detti anche esopianeti) esaminando le stelle più luminose vicine alla Terra individuando il transito di fronte ad esse di pianeti.

TESS e la sua missione

Il lancio di TESS è avvenuto il 18 aprile 2018, quasi 5 anni fa, e da allora ha scoperto ben 66 nuovi esopianeti (o mondi) al di là del nostro sistema solare, oltre a quasi 2.100 candidati pianeti extrasolari che gli astronomi di tutto il mondo stanno studiando per confermarne la classificazione.

Il satellite scandaglia lo spazio alla ricerca di esopianeti utilizzando il metodo fotometrico del transito. In pratica TESS è in grado di rilevare una eventuale diminuzione di luminosità della curva di luce della stella che sta osservando dovuta al transito di un pianeta.

Questa tecnica funziona solamente per i pianeti la cui orbita è perfettamente allineata con il punto di vista dell’osservatore (in questo caso TESS), ma ha il vantaggio di poter essere utilizzata fino a grandi distanze. Ovviamente la diminuzione di luminosità dipende dalla dimensione relativa della stella madre, del pianeta e della sua orbita.

Fra i mondi individuati svariati sono sistemi multi-pianeta, ossia sistemi costituiti da più pianeti in orbita attorno ad un’unica stella, che in molti casi risulta essere una nana rossa (o stella nana di tipo M).

Chi è TOI-700?

Tra queste c’è TOI-700, appunto una nana rossa di classe spettrale M situata nella costellazione del Dorado, distante poco più di 100 anni luce dal nostro sistema solare.

Al termine della prima missione di TESS il satellite era già stato in grado di osservare ben 3 pianeti orbitanti attorno a TOI-700 di cui uno particolarmente interessante (TOI-700d) perché di dimensioni paragonabili a quelle terrestri in orbita all’interno della cosiddetta “zona abitabile conservativa”, ovvero quella fascia entro la quale un pianeta rimane abitabile durante la maggior parte della sua vita.

Appena una settimana fa, esattamente 3 anni dopo la scoperta di TOI-700d, durante il 241esimo meeting dell’American Astronomical Association (AAS), c’è stato l’annuncio della scoperta del quarto pianeta del sistema, avvenuta sempre grazie alle osservazioni di TESS.

La recente scoperta di TOI-700e e la sua importanza

Il nuovo mondo si chiama TOI-700e, è un esopianeta molto probabilmente di tipo roccioso, di dimensioni simili a quelle della Terra. Compie un giro completo attorno alla sua stella madre ogni 27,8 giorni e ha un’orbita più interna rispetto a TOI-700d, il che lo colloca all’interno della “zona abitabile ottimistica”.

Per zona abitabile ottimistica si intende la regione intorno a una stella in cui l’acqua superficiale liquida, che rende il pianeta abitabile, è possibile solo per un tempo limitato nella storia del pianeta e non per la maggior parte della sua vita.

La scoperta di TOI-700e è giunta molto in ritardo rispetto a quella dei precedenti 3 pianeti a causa delle piccole dimensioni di quest’ultimo modo e della distanza della stella madre dal nostro sistema solare. Infatti Ben Hord, ricercatore presso il Goddard Space Flight Center della NASA afferma:

“Se la stella fosse stata un po’ più vicina o il pianeta un po’ più grande, avremmo potuto individuare TOI-700e dai dati di TESS ottenuti nel primo anno di missione, ma il segnale era così debole che abbiamo avuto bisogno di un anno aggiuntivo di osservazioni per identificarlo”

La lista di piccoli pianeti situati nella zona abitabile di una stella è davvero corta, per cui la scoperta di questo nuovo mondo è davvero importante per la conoscenza dell’universo che ci circonda e per la ricerca di eventuali altre forme di vita nel cosmo.