ilmeteo.net

Come sono le stagioni sugli altri pianeti del sistema solare?

Il 23 settembre siamo entrati nell'autunno astronomico, con l'equinozio. Ci sono stagioni anche su altri pianeti, anche se la loro durata è molto diversa. Come mai? Qui te lo diciamo.

stagioni Marte
Le stagioni su Marte durano 7 mesi, più del doppio di quelle sulla Terra.

La vita degli esseri umani è strettamente legata alle quattro stagioni dell'anno. Fin da piccoli, nelle scuole, i primi disegni fanno sempre riferimento a loro, quando si dipingono le foglie degli alberi di verde o marrone a seconda del periodo dell'anno. Che dire della musica, con "Le quattro stagioni" di Vivaldi. Da adulti viviamo le stagioni in modo diverso, forse sempre più consapevoli degli abiti da indossare. Il motivo per cui abbiamo stagioni durante tutto l'anno è l'inclinazione dell'asse terrestre.

I circa 23,5º, insieme al moto di rivoluzione della Terra attorno al Sole, determinano come le temperature influenzeranno la latitudine alla quale ci troviamo. Solstizi ed equinozi segnano l'inizio e la fine di ogni stagione. Qui è il momento di fermarsi un momento e ricordare qualcosa di importante.

L'evoluzione della temperatura che vediamo durante l'anno in ogni luogo non dipende da quanto vicino o lontano abbiamo il Sole, cosa che varia durante l'anno, ma dall'inclinazione dei suoi raggi. Curiosamente, quando gli siamo più vicini è in inverno, e non in estate. Tutto dipende da quanto perpendicolarmente i loro raggi colpiscono la superficie terrestre.

Cosa succede sugli altri pianeti?

Le stagioni di ciascuno dei pianeti dipenderanno fondamentalmente dall'inclinazione dei loro assi di rotazione e da come è la loro orbita attorno al Sole, sia in termini di eccentricità che di velocità. Ci sono pianeti con un asse che non mostra quasi nessuna inclinazione, ma su altri è molto inclinato. Alcuni hanno un'orbita più eccentrica di altri. Questo, insieme ad altri fattori, provoca una grande variabilità tra i pianeti.

L'inclinazione dell'asse di rotazione e la forma dell'orbita determina le stagioni dei pianeti, e tra queste troviamo grande variabilità.

A titolo di curiosità, gli astronomi hanno battezzato le stagioni di ciascuno dei pianeti allo stesso modo della Terra, indipendentemente dalla loro durata: autunno, inverno, primavera ed estate.

Saturno
Le stagioni su Saturno durano circa 7 anni.

Secondo i calcoli effettuati dalla NASA, queste sono le stime della durata di ogni stagione dell'anno su tutti i pianeti che fanno parte del sistema solare:

  • Mercurio: impercettibile
  • Venere: da 55 a 58 giorni
  • Terra: da 90 a 93 giorni
  • Marte: 7 mesi
  • Giove: 3 anni
  • Saturno: circa 7 anni
  • Urano: circa 20 anni
  • Nettuno: oltre 40 anni

Mentre su Mercurio i cambi di stagione sono impercettibili, Urano e Nettuno hanno stagioni così lunghe che se vivessimo su quei pianeti, non conosceremmo tutte le stagioni dell'anno. Come si può notare, Venere è il pianeta più simile al nostro in questo senso.

Cos'è che ha deviato l'asse terrestre?

Una delle teorie più accettate sull'origine dell'inclinazione dell'asse terrestre è quella che afferma che nella fase di formazione della Terra, cioè quando il nostro pianeta era giovane, un grosso oggetto si è scontrato con la superficie. Il materiale espulso in questo impatto ha finito per formare la Luna. Anche se non si sa esattamente cosa fosse questo grande oggetto, ha un nome: Tea. Quindi è stato Tea che, si crede, ha inclinato il nostro asse, causando la lunghezza delle stagioni che conosciamo oggi. Come sarebbe noiosa la Terra senza di loro!