Oggi il solstizio, benvenuta Estate: ecco qualche curiosità

Il 21 giugno inizia l'estate: è infatti il giorno del solstizio. Che etimologia ha? Quanto dura? Quali le date principali? Ecco un po' di curiosità sulla stagione che inizia oggi.

Lorenzo Pasqualini Lorenzo Pasqualini 21 Giu 2019 - 05:00 UTC

Il 21 giugno di questo 2019 inizia "ufficialmente" l'estate: è infatti il giorno del solstizio, momento in cui nell'emisfero Nord della Terra le giornate sono più lunghe e la notte è più corta. I raggi incidono con minor inclinazione alle nostre latitudini e l'insolazione è maggiore. Vediamo ora qualche curiosità sulla stagione che inizia oggi.

Come mai si chiama estate?

L'etimologia della parola estate, così come moltissime altre parole che usiamo, ha radici che affondano in un passato molto remoto. Viene dal sanscrito, antichissima lingua indo-europea, in particolare dalla radice idh- o aidh-, che significava "ardere", "accendere", "infiammare". Più recentemente il termine estate deriva dal latino "aestas", che indica un calore molto forte, che arde, e dal greco "aitho", anch'esso con un significato simile. Ma queste ultime lingue hanno riprodotto l'antica radice sanscrita. Insomma, estate fa riferimento alla caratteristica più nota di questa stagione: il calore bruciante.

Quanto dura l'estate?

L'estate astronomica va dal 21 giugno, giorno del solstizio, al 23 settembre, equinozio di autunno. Dura quindi 93 giorni. Se invece ci riferiamo alla stagione meteorologica, convenzionalmente si fa iniziare l'estate il primo giugno, mentre l'autunno inizia il primo settembre. Come è evidente, le date che noi diamo per definire l'inizio e la fine delle stagioni, anche se basate su dati precisi (come l'evento astronomico del solstizio), sono un riferimento utile, una convenzione. La transizione fra una stagione e l'altra avviene però in modo più sfumato.

Festività estive

Durante l'estate si concentrano una gran quantità di festività. Solo per citarne alcune, la festa di San Giovanni si celebra fra il 23 ed il 24 giugno ed è strettamente legata al solstizio d'estate. Questa festa affonda le sue radici nel passato, ed era una festa pagana che celebrava il solstizio. La stessa cosa è successa con la festa che si teneva in occasione del solstizio d'inverno, per celebrare il Sole e la fine dell'accorciamento delle giornate, una celebrazione pagana che è stata poi ripresa dal Natale cristiano. Questa festa si celebra in molte parti d'Europa. Una delle tradizioni legate a questa festa è l'accensione di fuochi.

Altre feste importanti dell'estate: il Ferragosto, una festività che ha origine nella Roma imperiale e che veniva chiamata Feriae Augusti (Ferie di Augusto). Si festeggia il 15 agosto.

Da segnalare poi il grande appuntamento dell'estate per gli amanti dell'osservazione del cielo: la notte di San Lorenzo, con l'inizio della "pioggia di stelle cadenti". Stiamo parlando delle Perseidi, uno sciame meteorico spettacolare che, negli ultimi anni, ha il suo massimo intorno al 12 agosto. Resta però nella cultura popolare la data del 10 agosto, che nel passato era il momento di culmine dello sciame.

Pubblicità