ilmeteo.net

Il ritiro dei ghiacciai sta causando lo spostamento di interi fiumi

Con la contrazione dei ghiacciai in tutto il mondo a causa dei cambiamenti climatici, alcune comunità devono affrontare un nuovo problema: l'improvvisa scomparsa dei loro fiumi. Ecco cosa sta accadendo.

Rio Alsek; Alaska; degelo
La foce del fiume Alsek potrebbe spostarsi circa 30 km più a sud della sua posizione attuale, nel parco nazionale di Glacier Bay.

La "pirateria fluviale" si verifica quando l'acqua di un fiume viene deviata verso un altro a causa dell'erosione, a seguito dello scioglimento dei ghiacciai. Gli scienziati prevedono che, man mano che si riduce la superficie coperta da ghiacciai a causa del riscaldamento globale, si avrà un cambiamento di percorso dei fiumi nelle aree di montagna.

Nella maggior parte dei casi questo reindirizzamento del corso dei fiumi sarà irrilevante. Ma in alcune aree dove intere comunità dipendono dal flusso di un fiume, questi cambiamenti potranno avere un impatto più significativo.

Dan Shugar, geoscienziato dell'Università di Calgary, ha condotto uno studio che ha documentato il primo caso noto di pirateria fluviale nel 2016 nel territorio dello Yukon in Canada. La velocità con cui si è sciolto il ghiacciaio più grande del Canada è stato così alto da deviare un fiume, riducendo significativamente il livello dell'acqua del lago che alimentava.

Il disgelo

Per centinaia di anni il fiume Slims ha trasportato l'acqua che proveniva dal vasto ghiacciaio Kaskawulsh, più precisamente al fiume Kluane, e poi al fiume Yukon verso il mare di Bering. Nella primavera del 2016, un periodo di intenso disgelo di questo ghiacciaio ha reindirizzato, in modo permanente e attraverso il fiume Kaskawulsh, l'acqua dal fiume Slims verso il Golfo dell'Alaska, a migliaia di chilometri dalla sua destinazione originale.

Il fatto che un ghiacciaio situato all'interno del Parco Nazionale e Riserva di Alaskan Glacier Bay, in rapida ritirata, avrebbe cambiato il corso del fiume che alimenta, richiedendo così l'adattamento degli ecosistemi e delle persone che dipendono da esso, era stato previsto dal geologo Michael Loso.

Fiume Alsek

Il ghiacciaio del Grand Plateau nel sud dell'Alaska ha uno spessore di circa 350 metri e da tempo funge da barriera per il fiume Alsek. Questo ha origine nella catena montuosa di St. Elias, in Canada, e si muove in direzione sud verso l'Alaska, entrando nell'Oceano Pacifico attraverso un canale che attraversa Dry Bay, un'area nota per la pesca e il rafting.

Nei prossimi tre decenni però, Loso ei suoi colleghi prevedono che questo fiume lascerà l'attuale canale che attraversa Dry Bay e opterà per un'uscita più ripida 28 km a sud-est. Questo è un percorso lasciato libero dal ghiacciaio del Grand Plateau, che si sta ritraendo a un ritmo molto rapido, fino a 10 metri all'anno.