ilmeteo.net

Emissioni di CO2, solo tre anni per mantenere vivibile il pianeta

Secondo l'ultimo rapporto dell'IPCC, all'umanità restano solo 3 anni per agire e limitare il riscaldamento globale. Ridurre le nostre emissioni di gas serra prima del 2025 ci consentirebbe di mantenere un pianeta "vivibile".

clima riscaldamento globale
Secondo l'ultimo rapporto dell'IPCC, all'umanità restano solo 3 anni per invertire la curva delle emissioni di gas serra e mantenere un pianeta vivibile per tutti.


L'ultimo rapporto IPCC avverte - ancora una volta! - che senza una riduzione "rapida, radicale e ancor meglio immediata" delle nostre emissioni di CO2 in tutti i settori, non saremo in grado di limitare il riscaldamento globale a +1,5°C, e nemmeno a +2°C. Ci restano 3 anni per mantenere "vivibile" il nostro pianeta. Il che significa che se non si fa nulla entro 3 anni, alcuni abitanti o addirittura intere popolazioni dovranno iniziare a lottare per l'accesso alle risorse... Molte promesse ma poca azione. Questo è ciò che ci sta portando verso un catastrofico riscaldamento globale di +3°C. Tuttavia, molti stati si sono impegnati a rispettare l'accordo di Parigi.

"Alcuni governi e dirigenti d'azienda dicono una cosa e ne fanno un'altra. Per dirla più semplicemente, mentono", ha affermato in modo abbastanza schietto Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite. Per ora, l'attuale riscaldamento globale è stimato a +1,09°C. Le nostre emissioni di gas serra legate all'attività umana, così come alla combustione di combustibili fossili, non sono diminuite. Sono in aumento, anche se c'è un rallentamento dal +2,3% al +1,3% annuo.

Livelli senza precedenti

Gli esperti delle Nazioni Unite sul clima stimano che l'attuale situazione politica ci porta verso un riscaldamento di +3,2°C entro la fine del secolo. E se i governi rispettassero gli impegni presi alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite COP26 tenutasi lo scorso anno, arriveremmo comunque a un +2,8°C. Le nostre emissioni di CO2 sono ai massimi livelli dal 2010. Il rapporto indica che le emissioni di gas serra (CO2 da combustibili fossili e industriali, metano, ossido di diazoto e gas fluorurati) hanno raggiunto livelli senza precedenti registrati tra il 2010 e il 2019. Le emissioni totali di anidride carbonica dalle attività umane sono state di 59 gigatonnellate nel 2019, ovvero il 12% in più rispetto al 2010 o addirittura il 54% in più rispetto all'anno 1990.

Bisogna ridurre drasticamente l'uso di combustibili fossili

Per non superare i +1,5°C, è fondamentale ridurre l'uso di combustibili fossili entro il 2050, riducendo l'uso di petrolio e gas dal 60 al 70% e favorendo l'uso parziale o addirittura totale di fonti pulite. Perché gli scenari immaginati ed esaminati dall'IPCC mostrano che limitando l'aumento delle temperature a +1,5°C e +2°C, le nostre emissioni raggiungerebbero il picco entro il 2025 per poi scendere del 43% nel 2030.

"Ora o mai più se vogliamo limitare il riscaldamento globale a 1,5°C. Senza una riduzione immediata e profonda delle emissioni in tutti i settori, questo sarà impossibile", ha affermato Jim Skea, coautore dell'ultimo rapporto dell'IPCC. Quindi, per invertire la tendenza, dobbiamo agire senza ulteriori indugi: "Questo non significa che abbiamo ancora tre anni per agire e che poi sarà un disastro. Significa che abbiamo bisogno di agire ora", secondo il climatologo Christophe Cassoo.