Autunno e caduta dei capelli, c'è una relazione?

Anche se la caduta dei capelli fa parte del naturale processo di rinnovamento, gli esperti confermano che esiste una relazione diretta con i cambiamenti stagionali. Le variazioni di temperatura influiscono negativamente sulla caduta dei capelli, peggiorando con l'attuale cambiamento climatico.

Caída de pelo
La caduta dei capelli stagionale colpisce allo stesso modo uomini e donne.

In media si possono perdere fino a 100 capelli in un giorno, ma durante la stagione autunnale questa cifra si moltiplica. Questa caduta stagionale, nonostante sia un processo naturale, può essere più pronunciata del normale a causa dei bruschi cambiamenti meteorologici che si verificano dopo l'estate.

Com'è il ciclo naturale della crescita dei capelli?

Il ciclo del capello si compone fondamentalmente di tre fasi: la prima è la fase anagen o fase di crescita, durante la quale il capello cresce di circa 1 cm al mese; la seconda è la catagen, un periodo transitorio in cui la crescita si ferma per circa 2 o 3 settimane; infine c'è la fase telogen in cui avviene il distacco e la caduta.

Di fronte ai cambiamenti delle condizioni meteorologiche, questi cicli si possono modificare. L'ultimo ciclo, in generale, tende a peggiorare all'inizio della primavera e dell'autunno, diventando più pronunciato dopo l'estate, quando si verifica il cosiddetto "effluvio stagionale" o telogen effluvium, in cui aumenta il turnover capillare.

La durata di questa caduta, in cui si possono perdere circa 1.000 capelli al giorno, è temporanea ed è limitata tra 1 e 2 mesi, dopodiché i capelli ricrescono e si riprendono.

Fasi di crescita del capello. 

Tuttavia, il cambio di stagione non è l'unica causa di alterazioni e caduta dei capelli: lo stress, i cambiamenti ormonali, l'uso di alcuni farmaci e una cattiva alimentazione contribuiscono a provocare difficoltà di circolazione nel cuoio capelluto, indebolire i follicoli e causare la caduta dei capelli.

Perché i capelli cadono di più con l'arrivo dell'autunno?

In estate i nostri capelli sono esposti al sole per molte ore e questo provoca un ispessimento del cuoio capelluto per guadagnare densità e proteggerci dall'esposizione solare. Con l'arrivo dell'autunno le giornate iniziano ad essere più corte e, con questo, il livello di estrogeni si riduce (a causa della mancanza di luce solare) e si ha un indebolimento del capello, che porta alla sua successiva caduta.

Le giornate iniziano ad essere più corte e il livello di estrogeni si riduce a causa della mancanza di luce solare, indebolendo così i capelli.

Inoltre, nel corso dell'estate una serie di eventi possono colpire i nostri capelli e provocarne il degrado: esposizione alla sabbia della spiaggia e ai prodotti chimici della piscina, aumento dell'insolazione, aumento della sudorazione, aumento del numero di lavaggi...D'altra parte, possiamo anche attribuire la caduta dei capelli allo stress causato dalla fine delle vacanze estive: il ritorno al lavoro, il ritorno dei bambini a scuola...

Il cambiamento climatico influenzerà anche la caduta dei capelli?

A causa del cambiamento climatico, il progressivo aumento delle temperature e l'aumento, in estensione e intensità, delle ondate di calore in estate, sta influenzando negativamente la caduta dei capelli. Negli ultimi anni, gli esperti temono che, con l'aumento dei mesi caldi, la caduta dei capelli sia particolarmente intensa e duri più a lungo durante i mesi autunnali.Allo stesso modo, la mancanza di pioggia e l'aumento di aree sempre più desertiche innescherà un aumento dell'inquinamento nelle città e, di conseguenza, rallenterà la crescita capillare.