ilmeteo.net

Il ciclo dell'acqua non è più quello che hai imparato a scuola

A scuola abbiamo sempre studiato il percorso o la "vita" che l'acqua percorre attraverso la Terra: evapora nel mare, forma nuvole, piove e ritorna al mare attraverso i fiumi. Vi presentiamo un ciclo dell'acqua con nuovi componenti.

Anche le foreste e la vegetazione fanno parte del ciclo dell'acqua

L'interazione tra l'atmosfera e l'idrosfera dà luogo a un continuo scambio di flussi e materia. La correlazione più evidente si materializza nel ciclo idrologico, che ci racconta come l'acqua si muova sulla terra nei diversi stati liquido, solido e gassoso. Questo processo ha quattro fasi principali: evaporazione, condensazione, precipitazione, infiltrazione e deflusso. Esaminiamoli rapidamente:

  1. Evaporazione: l'acqua in forma liquida di fiumi, mari, oceani, laghi... si trasforma in uno stato gassoso a causa del riscaldamento per azione del sole. Questa evaporazione implica la presenza di più vapore acqueo nell'atmosfera.
  2. Condensazione: fase di formazione delle nuvole. Man mano che il vapore acqueo sale nell'atmosfera, si raffredda seguendo il gradiente termico altitudinale, in modo tale da trasformarsi in piccole particelle e gocce d'acqua. A questo punto si formano nuvole e nebbie.
  3. Precipitazione: La pioggia si verifica quando l'acqua condensata dall'atmosfera cade sulla superficie terrestre sotto forma di gocce. Nelle regioni fredde, queste precipitazioni sono in forma solida, attraverso neve o grandine.
  4. Infiltrazione: processo attraverso il quale l'acqua penetra nel terreno. Una parte rimane nella zona più superficiale ed è benefica per animali e piante. Un'altra parte percola verso quote inferiori fino a depositarsi nelle falde acquifere.
  5. Deflusso: È lo spostamento dell'acqua attraverso la superficie grazie alla gravità e all'inclinazione del terreno. È il principale agente geologico di erosione e trasporto di sedimenti. Una montagna che ha subito incendi boschivi avrà un deflusso molto più elevato e, in effetti, un maggiore degrado del suolo. Tuttavia, la presenza di alberi nei sistemi montuosi comporta una maggiore ritenzione del suolo e un maggiore assorbimento d'acqua da parte della vegetazione.

Era, a priori, un ciclo del tutto naturale che è stato chiaramente influenzato dalla presenza e dall'attività umana. Così, l'US Geological Survey (USGS) ha rilasciato un diagramma del ciclo dell'acqua totalmente rinnovato, dove gli esseri umani sono i protagonisti e il fattore antropico gioca un ruolo "alterante" in questi processi naturali.

Il cambiamento riflette gli ultimi 20 anni di ricerca che ha svelato il ruolo centrale dell'umanità nel ciclo dell'acqua. Cee Nell, specialista della visualizzazione dei dati USGS e creatore del diagramma, afferma che "dobbiamo cambiare il modo in cui pensiamo di poter vivere e utilizzare l'acqua in modo sostenibile in futuro".

nuovo ciclo dell'acqua
Il rinnovato ciclo idrologico: le attività umane acquistano importanza e alterano il funzionamento naturale dell'acqua. Dai un'occhiata qui.

Oltre ai processi naturali come l'evaporazione dagli oceani, le precipitazioni sulla terraferma e il deflusso, il nuovo diagramma contiene il pascolo, il deflusso urbano, l'uso domestico e industriale dell'acqua e altre attività umane. Da segnalare anche l'alterazione dei fiumi mediante la raddrizzatura dei loro alvei, la creazione di dighe e bacini artificiali, l'artificializzazione dei corsi fluviali mediante deviazioni o la costruzione di nuove condotte.

Uno dei modi più significativi in cui l'acqua viene utilizzata negli Stati Uniti è nelle centrali elettriche, dove l'acqua del fiume viene utilizzata per il raffreddamento, ha affermato Nell. L'acqua ritorna quindi al fiume, il che a volte può influire sulla qualità dell'acqua.

I diversi usi dell'acqua

Il grafico esprime in modo molto chiaro ed evidente che il ciclo idrologico comprende usi umani e antropici dell'acqua: l'uso per consumo, agricolo, industriale, ecc... L'esistenza di un forte consumo d'acqua implica la gestione dell'acqua da parte delle pubbliche amministrazioni e/o aziende private che devono creare tutta una rete di infrastrutture per sanificare, depurare e rendere potabile l'acqua.

La siccità degli ultimi mesi, soprattutto in Catalogna, ha valorizzato gli impianti di desalinizzazione come elemento chiave di approvvigionamento. L'impianto di desalinizzazione di El Prat fornisce anche acqua per uso agricolo nel Parc Agrari del Baix Llobregat. D'altra parte, gli usi agricoli e industriali comportano anche la realizzazione di canali di irrigazione, condotte o condotte di adduzione per le aziende e, soprattutto, impianti di depurazione che garantiscano la buona qualità ambientale dell'alveo.