Valanghe di ghiaccio: un fenomeno più comune di quanto pensiamo

Sappiamo ancora poco dei movimenti glaciali improvvisi, ma secondo gli studi questi fenomeni sono in aumento, quindi è importante far avanzare la ricerca scientifica per prevenire disastri.

valanga ghiaccio
Le valanghe di ghiaccio sono masse di ghiaccio che scivolano violentemente e rumorosamente lungo il fianco di una montagna, trascinando con sé tutto ciò che incontrano lungo il cammino. Si originano a partire dal distacco di ghiacciai.

Secondo diversi studi, i ghiacciai presentano flussi di movimento che possono avanzare da pochi metri a diversi chilometri, raggiungendo a volte velocità altamente pericolose. Quando il ghiaccio di un ghiacciaio precipita, cadendo verso il basso ad alta velocità, le masse di ghiaccio viaggiano ad alta velocità fino a quando un ostacolo le ferma.

Questo spostamento può causare il blocco di fiumi, l'aumento del loro flusso, la rottura delle dighe o la formazione di laghi; di solito non presentano gravi pericoli per le persone perché si verificano comunemente in aree scarsamente popolate, ma all'inizio di quest'anno (febbraio 2021) una valanga causata dalla rottura del ghiacciaio Nanda Devi sull'Himalaya ha causato una piena improvvisa che ha spazzato via tutto ciò che incontrava nel suo cammino attraverso questa stretta valle, inclusi una diga, ponti e strade. Un centinaio le persone scomparse.

Questi disastri hanno messo in allerta le agenzie di emergenza e il mondo scientifico. Molte potenziali valanghe di ghiaccio sono ancora sconosciute e possono essere scoperte solo attraverso immagini satellitari.

Un gruppo di scienziati specializzato in ghiacciai della Climate Change Initiative dell'ESA ha condotto una ricerca pubblicata su The Cryosphere dove sono arrivati alla conclusione che questo tipo di frane e valanghe di ghiaccio si verificano più frequentemente di quanto si pensasse precedentemente.

Così Andreas Kääb, dell'Università di Oslo: “conosciamo da decenni i flussi che hanno origine nei ghiacciai e che si verificano ad alta quota, ma poco tempo fa abbiamo scoperto che anche i ghiacciai che scorrono a quote più basse possono staccarsi completamente".

Inoltre, ha aggiunto, "utilizzando i dati satellitari, abbiamo scoperto che tali eventi sono più comuni di quanto avremmo potuto immaginare e questo potrebbe essere una conseguenza del cambiamento climatico".

Dati dello studio

Sono stati analizzati 20 distacchi di ghiacciai che si sono verificati in 10 diverse regioni, dall'Alaska alle Ande e dal Caucaso al Tibet: è stato studiato il loro volume, distanze, livelli di elevazione, condizioni del permafrost e possibili fattori che innescano queste valanghe.

Lo studio ha concluso che il distacco di ghiacciai è più comune di quanto si pensasse in precedenza.

Dopo un'indagine approfondita hanno concluso che il distacco di ghiacciai che poggiano su fondali rocciosi è più comune di quanto si pensi e per questo motivo è fondamentale continuare la ricerca per prevedere eventuali valanghe di ghiaccio prima che abbiano conseguenze devastanti.

Come si forma una valanga?

Le valanghe di ghiaccio sono frane di grandi masse di ghiaccio, solitamente associate a ghiacciai posizionati su pendii ripidi, si verificano quando enormi strati si staccano dal fianco della montagna e si rompono lungo il pendio. Queste masse in movimento possono raggiungere una velocità di 130 chilometri all'ora in un paio di secondi

Esistono due tipi:

  • Tipo rampa: valanghe da ghiacciai in forte pendenza, dove il meccanismo che le innesca è lo scivolamento della massa di ghiaccio su una superficie rocciosa per riduzione dell'adesione o per il sovraaccumulo della massa di ghiaccio.
  • Tipo parete: valanghe da ghiacciai sospesi dove si verifica una rottura o una rottura nel pendio e in questo modo il ghiacciaio si sposta verso zone più pianeggianti e il ghiaccio depositato dalle valanghe può formare un nuovo ghiacciaio, che viene chiamato ghiacciaio ricostituito o ghiacciaio rigenerato.

Gli ultimi studi effettuati prevedono che il verificarsi di valanghe di ghiaccio aumenterà entro il 2050 parallelamente all'avanzare del cambiamento climatico, con conseguenze sempre più gravi, quindi è importante investire nella prevenzione e previsione di possibili valanghe, dovute principalmente al insediamento e aumento delle attività umane in queste aree, che sono esposte a questo processo naturale che può essere devastante.