ilmeteo.net

C'è un'isola misteriosa che sembra una impronta digitale vista dall'alto

Le isole a volte possono avere forme molto sorprendenti, e oggi ve ne mostriamo un ottimo esempio: dall'alto sembra di vedere un'impronta digitale! Dov'è questo posto e cosa c'è? Vi spieghiamo il "mistero".

isola impronta digitale
C'è un'isola misteriosa in Croazia che sembra un'impronta digitale vista dall'aria. Crediti: Julien Duval/Amazing Aerial Agency.

Sul nostro pianeta ci sono isole che ci ricordano, con un po' di fantasia, dinosauri, cuori, teschi o mezze lune, e che ancora oggi rimangono selvagge. Altre, invece, hanno la forma di una palma o di un mappamondo e sono occupati da hotel e residenze di lusso (o grandi centri commerciali). Ad esempio a Dubai, anche se in questo caso si tratta di isole artificiali. In Croazia, una delle 249 isole che fanno parte dell'arcipelago di Sebenico (in croato Šibenski), è diventata molto popolare negli ultimi anni. Ha una superficie di appena 0,14 chilometri quadrati e ha una costa di 1.431 metri. È un isolotto roccioso. Allora perché è diventata così famosa?

Qual è l'origine di questi misteriosi muri di pietra?

Stiamo parlando di Baljenac. Su questo sorprendente isolotto possiamo trovare un'antica rete di muretti di pietra, che in totale sommano circa 23 chilometri di lunghezza, formando una sorta di griglia che lo fa sembrare... un'impronta umana vista dall'aria! L'origine di questi muri di pietra rimane un mistero, anche se durante il XVI e XVII secolo Baljenac serviva da rifugio per i cristiani che erano in pericolo a causa delle incursioni ottomane, quindi potrebbero aver iniziato a costruire alcuni muri di pietra per scopi puramente difensivi.

Tuttavia, secondo l'Ufficio nazionale croato per il turismo, furono gli agricoltori della vicina isola di Kaprije a costruire queste mura nel XIX secolo, utilizzando una tecnica nota come "muri a secco", che prevede l'impilamento e l'incastro accurato delle rocce. È molto comune nell'Europa mediterranea, e infatti dal 2018 quest'arte è stata dichiarata Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dall'UNESCO.

Una difesa contro il vento forte e la salsedine

Prima di tutto hanno ripulito la vegetazione selvaggia di Baljenac per fare spazio a fichi, agrumi e viti, e poi hanno iniziato a posare le pietre. E così via fino alla costruzione di circa 23 chilometri (la più alta concentrazione per superficie) di muri su un'isola la cui superficie totale è di soli 0,14 chilometri quadrati.

Pertanto, l'obiettivo principale degli agricoltori della vicina isola di Kaprije era proteggere i raccolti dal forte vento e dal sale. Non va dimenticato che il motore economico delle isole croate è la viticoltura, l'olivicoltura, la pesca e il turismo. In altre regioni mediterranee, proteggono i pendii dall'erosione e laminano i viali.

Si può visitare?

Per curiosità, oggi Kaprije, l'isola vicina, ha una popolazione di appena 150 abitanti e le auto sono vietate. Anche in altre isole dell'arcipelago ci sono questi muri, ma Baljenac si distingue proprio per presentarne la più alta concentrazione, senza dimenticare che vista dall'alto sembra un'impronta umana.

Anche su altre isole dell'arcipelago ci sono questi muri, anche se a Baljenac la concentrazione è molto più alta.

Per ora, la Croazia ha chiesto all'UNESCO di includere Baljenac nella sua lista dei siti ufficiali del patrimonio mondiale. Se vuoi conoscere questo isolotto unico, l'Ufficio nazionale croato per il turismo organizza gite in barca. Non è consentito sbarcarvi, solo girarci intorno, e non ci sono moli o simili.