ilmeteo.net

Adattarsi alla siccità: depositi d'acqua dentro i baobab, i video!

Sicuramente avrai visto serbatoi, cisterne e altre costruzioni che vengono utilizzate per immagazzinare l'acqua. Ma...lo sapevate che molti villaggi africani utilizzano i tronchi dei baobab come serbatoi per l'acqua? Ti spieghiamo tutto nell'articolo.

L'altopiano di Mahafaly è un territorio inospitale che si trova nel sud del Madagascar. Il clima è molto rigido, con il sole che picchia per la maggior parte dell'anno, mentre le piogge sono generalmente scarse e irregolari, concentrate nella breve stagione delle piogge. Nulla sembra indicare la presenza di comunità umane in questo altopiano, anche se nei suoi confini troviamo alcuni villaggi che si sono adattati a questo ambiente ostile, sfruttando in modo sorprendente le risorse naturali esistenti. A causa dell'aridità che prevale durante la maggior parte dell'anno, solo in determinati periodi c'è acqua in superficie adatta ai bisogni primari. Quindi, da dove la prendono? La risposta è sorprendente: dall'interno dei baobab, che in villaggi come Ampotaka fungono da serbatoi d'acqua.

Durante la stagione delle piogge, l'acqua viene raccolta e immagazzinata nei tronchi dei baobab, precedentemente trivellati. Gli esemplari più grandi possono contenere fino a 140.000 litri all'interno, e nonostante questo l'albero non muore perché il suo legno, che è composto principalmente da acqua, non marcisce. Grazie a questo sistema, molti villaggi africani e indiani sono riusciti a sopravvivere per molte generazioni.

I tronchi dei baobab vengono forati per facilitare la raccolta dell'acqua. Gli esemplari più grandi possono immagazzinare più di 140.000 litri all'interno

Gli affascinanti baobab sono anche conosciuti come "Albero della Vita" e non forniscono solo acqua. Fibre molto resistenti si ottengono anche per fare corde, il loro polline viene usato come colla, i semi vengono tostati come i chicchi di caffè, e dai suoi frutti si ricava la polvere di baobab. Sfortunatamente, negli ultimi anni diversi baobab millenari sono morti a causa dell'eccessivo sfruttamento delle falde acquifere, dei parassiti e degli effetti dei cambiamenti climatici.