ilmeteo.net

C'è qualcosa che sta bollendo nel Mar delle Filippine

Nei giorni scorsi le immagini satellitari hanno mostrato cerchi di acqua gorgogliante nel Mar delle Filippine. Un segno inequivocabile che un gigante si sta svegliando sotto la superficie del mare. Qui vi diciamo di più!

Vulcano Kaitoku
Un gigantesco vulcano sottomarino si risveglia dal suo sonno. Fotografia del dipartimento di idrografia e oceanografia della guardia costiera giapponese.

Poco più di un anno fa, la scioccante eruzione del vulcano sottomarino Hunga-Tonga ha scosso la Terra per diverse ore e ha attirato l'attenzione sui vulcani silenziosi (ma attivi) sotto la superficie del mare. Ora, un altro di loro sembra svegliarsi: il Kaitoku, a sud-est del Giappone, nel Mar delle Filippine. Pochi giorni fa sono state diffuse le immagini catturate dal satellite Sentinel 2 del Programma Copernicus, in cui si vedono vortici di acqua scolorita e ribollente, associati all'attività eruttiva del Kaitoku, il vulcano sottomarino le cui tre cime si trovano a 100 metri profondità.

Le prime indicazioni del risveglio del vulcano risalgono ad agosto dello scorso anno, quando le immagini satellitari mostravano attività sulla vetta più orientale. La Guardia Costiera giapponese ha confermato che il Kaitoku è effettivamente entrato in azione. Quindi, a novembre e dicembre, è stata identificata acqua scolorita vicino alla bocca del vulcano ea una distanza di 10 km dall'area della bocca.

Il Global Volcanism Program, nel suo rapporto settimanale dal 4 al 10 gennaio, indica che "cerchi concentrici di acqua scolorita si irradiavano dall'area della bocca e un pennacchio si spostava verso ovest". Queste macchie brunastre o biancastre che appaiono sulla superficie degli oceani sono la prova che in quel luogo si sta verificando un aumento di acqua acida surriscaldata e possibilmente con particelle, frammenti di roccia vulcanica e zolfo.

Secondo il sito web del Programma, l'ultima volta che Kaitoku ha avuto un'eruzione confermata dalle osservazioni è stata nel marzo 1984. Il Programma riporta anche possibili eruzioni nel 1984 e nel 1986, classificate come incerte. La registrazione più antica di un'eruzione del Kaitoku risale all'anno 1543.

Giganti sotto l'acqua

Si chiamano montagne sottomarine o vulcani quando si alzano dal fondo dell'oceano ma la loro altezza massima non supera la superficie dell'oceano. In altre parole, non riescono a emergere o formare un'isola. Si stima che sul pianeta esistano circa 100.000 montagne sottomarine di altezza superiore a 1 km e probabilmente circa 25 milioni di montagne sottomarine di altezza superiore a 100 m.

Sebbene la maggior parte di loro sia inattiva, alcuni ricercatori – come Kristen Fauria, Professore di Scienze della Terra e dell'Ambiente – affermano che oltre l'80% delle eruzioni vulcaniche della Terra si verificano negli oceani. Nonostante il loro impatto significativo sull'ambiente, sono ancora molto poco studiati.

L'esempio più recente della potenza di questi colossi è l'eruzione di Hunga-Tonga, avvenuta il 15 gennaio dello scorso anno. L'evento è stato di tale portata che ha distrutto le isole vicine ed espulso tonnellate di particelle e gas nell'atmosfera. Parte di quel materiale continua a circolare oggi nella nostra atmosfera.