ilmeteo.net

Addio Toadzilla: sacrificato il rospo più grande del mondo

I ranger del parco sono rimasti sbalorditi quando hanno trovato un rospo che era tre volte più grande di qualsiasi altro esemplare normale. Ma Toadzilla, così è stato chiamato, è stato sacrificato poche ore dopo.

australia, rospo
Immagine del rospo delle canne.

L'Australia è nota per le sue spiagge, le città moderne e la terrificante fauna selvatica. E se ci fosse qualche dubbio, questa recente scoperta non smette di stupire e può far rizzare i capelli a chiunque sia impressionato dai piccoli anfibi, anche se questo in particolare non è affatto piccolo. I ranger del parco nel nord dell'Australia sono rimasti sbalorditi quando hanno trovato un rospo enorme, grande quasi quanto un bambino.

Toadzilla, come è stato battezzato nella riserva in cui è stato portato, pesava niente di più e niente di meno di 2,7 kg, quando la cosa normale è che il peso di questa specie sia solo mezzo chilo. Questo anfibio è noto come Cane Toad e appartiene alla famiglia Bufonidae.

La guardaparchi Kylee Gray ha avvistato il mostruoso rospo mentre lavorava in pista nel Conway National Park. Dopo averlo analizzato, è stato stabilito che si trattava di una femmina e, sebbene non sia stato possibile stabilirne l'età, aveva probabilmente già diversi anni. I rospi delle canne possono vivere fino a 15 anni in natura.

Questi anfibi possiedono anche ghiandole velenifere, che li rendono prede altamente tossiche per qualsiasi predatore che li insegue. Inoltre, quando secernono quel "veleno lattiginoso" chiamato bufotossina, possono causare arresto cardiaco ed effetti psichedelici.

La morte di Toadzilla

Entro poche ore dalla sua scoperta, l'esemplare è stato soppresso. I rospi delle canne sono una delle peggiori specie invasive al mondo e l'Australia combatte questa specie invasiva da anni. "Un rospo delle canne di quelle dimensioni mangerà tutto ciò che si adatta alla sua bocca, inclusi insetti, rettili e piccoli mammiferi", hanno affermato i guardaparchi.

I rospi delle canne furono introdotti nel 1935 per controllare la popolazione di coleotteri, ma divennero a loro volta dannosi, colonizzando gli habitat e avvelenando altri animali selvatici.

Circa 2.400 rospi vennero rilasciati nel North Queensland nel 1935 nella speranza di aiutare a controllare le popolazioni di coleotteri delle canne.

Non solo questi insetti non venivano mangiati, ma poiché questa specie non ha predatori naturali nella regione e può deporre tra le 8.000 e le 30.000 uova in quasi ogni periodo dell'anno, si diffuse rapidamente. Il loro successo riproduttivo è dovuto anche all'alimentazione tempestiva; costituito da materia viva e morta.

Un rospo di canna di quelle dimensioni mangerà tutto ciò che si adatta alla sua bocca, inclusi insetti, rettili e piccoli mammiferi.

Sono originari del Sud e Centro America. Si ritiene che in Oceania ci siano più di 200 milioni di individui di questa specie. Il corpo del rospo sarà donato al Queensland Museum, che ha espresso interesse per il fatto che potrebbe essere il più grande mai registrato. Il record precedente era per un rospo delle canne che viveva come un animale domestico e pesava 2,6 kg.