ilmeteo.net

Astronomi sorpresi: scoperto un pianeta che non dovrebbe esistere

Gli astronomi hanno scoperto un esopianeta in orbita attorno a una coppia di stelle molto massicce. Il problema è che questo pianeta "non dovrebbe esistere", perché sfida tutto ciò che sappiamo sui pianeti e le stelle che si formano nell'universo.

Gli anelli apparenti attorno al sistema binario Centauri b e al suo pianeta sono artefatti dello strumento utilizzato per bloccare la luce dalle stelle ospiti. (immagini: ESO / Janson et al. / L. Marciapiede)

Il pianeta b Centauri b non dovrebbe esistere, ma l'immagine qui sopra conferma il contrario. L'immagine, ripresa dal Very Large Telescope dell'ESO, in Cile, mostra un sistema stellare composto da due stelle supermassicce che orbitano l'una intorno all'altra, a 325 anni luce da noi.

È un pianeta gigante gassoso che orbita attorno alle sue stelle a una distanza di circa 560 volte quella della Terra dal Sole. Nonostante sia un gigante gassoso come Saturno, gli anelli apparenti intorno al pianeta non sono anelli reali, solo errori di immagine. La massa del pianeta è circa 11 volte quella di Giove, così massiccia che per poco non è diventato una stella. Gli oggetti con masse solo leggermente più grandi iniziano le fusioni nucleari al loro interno e sono classificati come stelle nane brune.

Sebbene il pianeta sia impressionante, sono le due stelle ospiti che rendono questo sistema davvero diverso da quelli che abbiamo visto prima. Questo ha sorpreso fortemente gli scienziati e ha rivelato che c'è molto che ancora non sappiamo sulla formazione dei pianeti nell'universo.

Cosa rende b Centauri b un sistema unico che sfida la scienza?

Si scopre che le stelle binarie in questo sistema hanno una massa combinata stimata fino a 10 volte quella del Sole. Potrebbe non sembrare molto, ma è il doppio della massa di qualsiasi altro sistema stellare conosciuto che ospita un pianeta. Le stelle di questo tipo (chiamate Spectral Type B) sono estremamente calde ed emettono così tante radiazioni ultraviolette e raggi X che, in teoria, dovrebbero impedire la formazione dei pianeti intorno a loro.

Secondo il dottor Markus Janson dell'Università di Stoccolma in Svezia, trovare un pianeta in questo sistema binario cambia completamente ciò che sappiamo sulla formazione stellare massiccia nell'universo. In altre parole: la scoperta solleva la possibilità che b Centauri b si sia formato attraverso un processo diverso da quello previsto dalla teoria convenzionale.

Gli autori dello studio presumono che il pianeta fosse il risultato del suo stesso disco di accrescimento, con una nuvola di gas abbastanza grande da collassare sotto il suo stesso peso, trasformandosi in un pianeta.

Poiché le stelle di questo tipo non sono mai state al centro della ricerca sugli esopianeti, gli astronomi ora hanno motivo di credere che ci siano molti altri pianeti come b Centauri b nell'universo che sono stati semplicemente trascurati dalla nostra ricerca. Se questa ipotesi fosse corretta, saremmo in grado di fare un ulteriore passo avanti nella comprensione di come si formano i sistemi planetari - e forse svelare alcuni dei misteri del nostro pianeta nel processo.