ilmeteo.net

La pioggia non è più potabile in nessuna parte del mondo

Bere acqua piovana anche quando ci troviamo in un'area naturale non è più una buona idea. I livelli di sostanze chimiche pericolose superano i valori salutari nelle precipitazioni dai luoghi più remoti del pianeta.

acqua inquinata
I PFAS sono associati a un'ampia gamma di gravi danni alla salute, inclusi diversi tipi di cancro.

L'inquinamento umano è tale che le sostanze chimiche stanno letteralmente piovendo su ogni angolo della Terra e l'acqua raccolta dalla pioggia non può essere considerata salutare. Le sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche (PFAS) sono contaminanti chimici sviluppati negli anni '40. Grazie alle loro proprietà uniche, inclusa la loro capacità di respingere l'acqua e l'olio e la loro resistenza alla temperatura, i produttori hanno utilizzato i PFAS in una varietà di prodotti, dalle pentole antiaderenti ai cosmetici.

Esistono circa 4.500 di questi composti a base di fluoro e si trovano in quasi tutte le case della Terra in centinaia di prodotti di uso quotidiano, inclusi imballaggi per alimenti, pentole antiaderenti, impermeabili, adesivi, carta e vernici.

Un'analisi globale dei livelli di PFAS negli ultimi dieci anni ha rilevato che i livelli di PFAS nelle acque piovane "spesso superano di gran lunga" i livelli raccomandati dalle agenzie ambientali. Lo studio rileva inoltre che questi contaminanti si muovono attraverso il suolo e l'acqua e possono bioaccumularsi nella fauna selvatica. Gli esseri umani possono anche respirare PFAS e i contaminanti possono entrare nel flusso sanguigno. Inoltre, questi PFAS sono così persistenti da essere conosciuti come "sostanze chimiche eterne".

Il team dell'Università di Stoccolma ha condotto un lavoro di laboratorio e sul campo sulla presenza atmosferica e sul trasporto di PFAS nell'ultimo decennio. Hanno notato che i livelli di alcuni PFAS dannosi nell'atmosfera non stanno diminuendo anche se il produttore principale, 3M, li ha eliminati gradualmente due decenni fa. Gli scienziati temono che la capacità di queste sostanze chimiche di riciclarsi continuamente e di viaggiare dal suolo all'aria farà aumentare le concentrazioni in tutto il mondo fino a un punto di non ritorno.

I risultati dello studio portano gli autori a concludere che è stato attraversato un punto di non ritorno planetario, e che semplicemente non esiste un posto sicuro sulla Terra per evitare queste sostanze.

"Quindi ora, a causa della diffusione globale dei PFAS, i valori ambientali ovunque supereranno le linee guida di qualità progettate per proteggere la salute umana e possiamo fare ben poco per ridurre la contaminazione da PFAS", ha affermato il dottor Scheringer, uno degli autori del ricerca, secondo cui sarebbe opportuno unificare un valore di soglia che determini un limite planetario invece di averne uno diverso in ogni paese.

Problemi sulla salute

Non c'è ancora un consenso scientifico sui problemi di salute che queste sostanze possono scatenare. Ma i PFAS sono associati a un'ampia gamma di gravi danni alla salute, inclusi diversi tipi di cancro, problemi di apprendimento e comportamentali nei bambini, complicazioni di infertilità e gravidanza, aumento del colesterolo e sistema immunitario compromesso.

Nonostante il fatto che la causa e l'effetto di queste sostanze non siano ancora stati dimostrati, alcuni scienziati avvertono che le prove esistenti fino ad oggi sottolineano la necessità di un approccio precauzionale, poiché quando la loro pericolosità sarà dimostrata potrebbe essere troppo tardi.

"Possiamo pulire l'acqua potabile negli impianti di trattamento solo utilizzando tecnologie avanzate che sono molto costose", spiegano nello studio. “Non possiamo rimuovere i PFAS dall'ambiente. Dobbiamo solo aspettare, e ci vorrà molto tempo, nell'ordine di decenni o secoli, prima che i PFAS si diluiscano gradualmente negli oceani profondi".