ilmeteo.net

Scienziati sconcertati da misteriosi buchi visti sul fondo dell'Atlantico

La NOAA chiede aiuto per determinare l'origine dei misteriosi buchi, che seguono uno schema lineare e uniforme e sembrano scavate nel fondale marino. Cosa potrebbe essere? Scopri di più qui!

caverna sottomarina
La dorsale medio-atlantica custodisce ancora molti segreti, ben nascosti nelle profondità del mare. Cosa sono i misteriosi buchi che seguono uno schema uniforme?

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), negli Stati Uniti, ha condiviso una scoperta sul fondo dell'Atlantico che ha lasciato gli scienziati "perplessi", come mostra l'agenzia stessa su Twitter. Durante una recente spedizione sulla dorsale medio-atlantica - una elevazione sottomarina che separa alcune delle principali placche tettoniche - gli oceanografi hanno trovato una serie di buchi, allineati in linea retta, che sembravano essere stati scavati nel fondo del mare.

"Nell'esplorazione di sabato abbiamo visto diverse serie di buchi sublineari sul fondo del mare. L'origine dei buchi ha sconcertato gli scienziati (...) In apparenza sembra che i buchi siano stati creati dagli umani, ma i piccoli cumuli di sedimenti intorno a loro suggeriscono che siano stati scavati da qualcos'altro. Qual è la tua ipotesi?" – chiede l'agenzia NOAA sul suo profilo.

I ricercatori a bordo della nave Okeanos hanno scoperto i misteriosi buchi il 23 luglio, quando hanno usato un robot sommergibile per esplorare una cresta vulcanica a nord dell'arcipelago delle Azzorre, vicino al Portogallo.

I buchi sul fondale marino non sono rari, ma con sorpresa degli scienziati, quelli scoperti hanno rivelato uno schema uniforme, quasi come se fossero stati disegnati da mani umane, tranne per il fatto che i buchi sono situati a una profondità di 2,5 km.

"Nell'immersione di sabato abbiamo visto diverse serie di buchi sublineari sul fondo del mare. L'origine dei buchi ha sconcertato gli scienziati (...) Sembra che i buchi siano stati creati dall'uomo, ma i piccoli cumuli di sedimenti intorno ad essi suggeriscono che siano stati scavati ...da qualcos'altro. Qual è la tua ipotesi?" – chiede la NOAA.
buchi fondali oceano atlantico
I buchi misteriosi sul fondo dell'Oceano Atlantico visti da vicino. Fonte: NOAA Ocean Exploration

Una settimana dopo i ricercatori hanno identificato altre quattro serie di buche a circa 483 chilometri di distanza. In questo caso, a un miglio di profondità. "Abbiamo provato a dare un'occhiata ai buchi con gli strumenti del veicolo telecomandato, ma non ci siamo riusciti", ha spiegato la NOAA in un comunicato stampa.

Non è la prima volta che compaiono questi buchi.

Nonostante la sorprendente scoperta, questa non è la prima volta che gli oceanografi individuano tali buchi. Nel 2004, una spedizione nella stessa area guidata dagli scienziati Michael Vecchione e Odd Aksel aveva già rilevato diverse serie di buchi. A quel tempo, gli scienziati li chiamavano lebensspuren, una parola tedesca che potrebbe essere tradotta come "tracce di vita".

Vecchione e Aksel non sono stati in grado di determinare da dove provenissero i buchi o come fossero stati realizzati. Hanno ipotizzato che il sedimento trovato vicino ai fori potesse indicare lo scavo e l'estrazione di sedimenti da parte di un organismo che vive sul fondo del mare o, forse, i resti di cibo di un grosso animale.

A distanza di quasi 20 anni da quella spedizione, Vecchione continua a chiedersi cosa possano essere quei misteriosi buchi che ha trovato e che ora sembrano essere ricomparsi. "Qualcosa di importante sta accadendo lì e non sappiamo cosa sia", dice al The New York Times. "Ciò significa che ci sono ancora dei misteri lì", afferma.

La catena montuosa più lunga del mondo

Oltre ai buchi scoperti nei fondali marini, la dorsale medio-atlantica custodisce ancora molti segreti. Con oltre 16.000 km di lunghezza, questa catena sottomarina è la catena montuosa più lunga del mondo. In essa convergono, da un lato, le placche eurasiatica e nordamericana, dall'altro quelle africana e sudamericana.

Missioni come quelle sulla nave Okeanos sono utili agli scienziati per comprendere meglio i movimenti sismici e le fonti idrotermali, che sono fessure o fumarole da cui scorre acqua calda, poiché si trovano in aree in cui il magma dall'interno della Terra è più vicino alla superficie.