ilmeteo.net

Incendi: oltre 700.000 ettari bruciati, estate record in Europa

La stagione degli incendi boschivi non è ancora finita, ma ha già battuto un record assoluto dall'inizio delle rilevazioni satellitari nel 2006. Più di 700.000 ettari di terreno sono bruciati dall'inizio del 2022 in Europa.

incendi europa 2022
Più di 700.000 ettari di terra bruciati in tutta l'Unione Europea tra il 1 gennaio 2022 e il 18 agosto 2022.

"Stiamo affrontando un'estate difficile in Europa, finora per quest'anno sono già oltre 700.000 gli ettari bruciati, il valore più alto in questo periodo dell'anno dal 2006", ha spiegato giovedì 18 agosto Janez Lenarčič, Commissario europeo per gli Aiuti umanitari e la crisi Gestione. 761.547 ettari bruciati precisamente tra il 1 gennaio 2022 e questo giovedì 18 agosto nell'Unione Europea registrati dal Sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi (EFFIS). Questo è l'equivalente dell'area del Belgio e della Svizzera messe insieme. Un record assoluto dalla creazione di EFFIS nel 2006.

Tra i paesi più colpiti da questi incendi devastanti: la penisola iberica e in particolare la Spagna. Estremamente secchi per le ripetute ondate di caldo, più di 283.000 ettari sono andati in fumo, principalmente nella regione della Galizia, nel nord-ovest.

Poi la Romania dove oltre 150.700 ettari sono stati devastati dalle fiamme. E il Portogallo con i suoi 86.631 ettari andati in fumo, compresi 25.000 ettari di un Geoparco mondiale riconosciuto dall'Unesco. Le squadre dei Vigili del Fuoco hanno dovuto lavorare 12 giorni per spegnere gli incendi che hanno devastato il 25% del parco nella regione montuosa della Serra da Estrela, che raggiunge elevazioni di quasi 2.000 metri.

La Francia è al 4° posto in questa triste classifica. 62.102 ettari sono stati devastati in particolare a causa di due imponenti incendi sviluppatisi a luglio e poi ad agosto nella Gironda. Il paese ha dovuto chiedere aiuto con l'invio di vigili del fuoco dalla Germania, dalla Polonia, dall'Austria e alcuni addirittura dalla Polinesia francese! La Francia è seguita dalla vicina Italia con i suoi 42.835 ettari andati in fumo. In Italia i roghi si sono sviluppati ovunque, dal Carso alla Sicilia, passando per Lazio e Umbria.

La situazione è stata finora eccezionale anche nell'Europa centrale in questa estate del 2022. Il più grande incendio della storia recente della Slovenia è avvenuto a luglio. Necessari dieci giorni di lavoro per i vigili del fuoco mobilitati nella zona. La Croazia è venuta in aiuto della Slovenia prestando un canadair, ma ha dovuto richiamarlo per far fronte ai propri incendi!

Un altro spettacolare incendio si è verificato il 4 agosto in una foresta a Berlino, in Germania. La capitale tedesca è minacciata da incendi boschivi a causa delle aree boschive confinanti con la città, soprattutto durante i periodi di siccità e ondate di caldo. Inoltre, negli ultimi anni è aumentato anche il numero di incendi. 2.300 incendi boschivi registrati in tutta l'Unione Europea, mentre nel periodo 2006-2021 si sono registrati in media 1.349 incendi.

Incendi si sono verificati in Germania, alle porte di Berlino, ed anche nella Repubblica Ceca. In questo paese circa mille gli ettari bruciati: può sembrare poco rispetto alle aree bruciate in Spagna o Italia, ma è una superficie bruciata 158 volte superiore alla media del periodo 2006-2021...

A causa del riscaldamento globale, gli incendi si stanno diffondendo ancora di più nei paesi solitamente meno colpiti. Questo è il caso della Repubblica Ceca. Con i suoi mille ettari bruciati, può sembrare poco rispetto alla Spagna o all'Italia, eppure è 158 volte superiore alla media del periodo 2006-2021...