ilmeteo.net

Qual è il valore di temperatura più alto che possiamo sopportare?

Il corpo umano può resistere al calore fino a un certo punto. L'umidità presente è ciò che definisce questo valore di rischio. Oltre quel limite, il corpo ha difficoltà a gestire la propria temperatura interna.

Calentamiento global
Il pianeta si sta riscaldando più velocemente della capacità di adattamento del corpo umano.

Le ondate di caldo estremo sono sempre più frequenti, e le temperature massime stanno raggiungendo sempre più alte, al punto che a Meteored abbiamo dovuto alzare la scala di visualizzazione sulle nostre mappe, in questa estate 2021, per poter integrare queste situazioni estreme.

Massime che hanno toccato i 50°C a latitudini impensabili come il Canada, o ondate di caldo con incendi devastanti come quelle attualmente vissute da Turchia e Grecia stanno lasciando il segno di un pianeta sempre più caldo quest'anno. Il corpo umano è resistente, ma con temperature così elevate la domanda che ci poniamo è quanto può resistere. Qual è la temperatura più alta che le persone possono sopportare?

Qual è la temperatura più alta che le persone possono sopportare?

La verità è che il caldo rappresenta sempre più una minaccia per la salute di un numero sempre maggiore di persone in tutto il mondo. La risposta non va cercata solo nel valore della temperatura, ma dipende dalla quantità di umidità nell'ambiente. I risultati di un'indagine pubblicata su Science Advances hanno cercato di trovare risposte.

Sembra che la barriera vada situata su un valore di temperatura di bulbo umido di 35°C. Oltre quel valore non sarebbe gestibile dal corpo umano, tenendo sempre presente che non tutte le persone hanno la stessa risposta al calore. I 34°C sopportati quest'estate dagli abitanti della Finlandia settentrionale non sono stati vissuti nello stesso modo in cui questa temperatura potrebbe essere vissuta a Madrid dove le persone sono abituate a quel valore come qualcosa di normale in estate.

La temperatura di bulbo umido

La temperatura di bulbo umido non è la stessa della temperatura dell'aria. Per ottenerla si misura con un termometro coperto da un panno imbevuto d'acqua, quindi si tiene conto sia del calore che dell'umidità. Quest'ultimo parametro è importante da considerare perché con più vapore acqueo nell'aria, è più difficile che il sudore evapori dal corpo e raffreddi la persona. L'acqua nel panno del termometro verrà elaborata in base alla quantità di umidità presente.

Pertanto, il valore della temperatura di bulbo umido sarà uguale o inferiore alla temperatura dell'aria. Quando ciò accade l'aria è satura e l'umidità relativa è del 100%. Da lì, qualsiasi quantità di vapore acqueo che si aggiunge all'ambiente si trasformerà in acqua liquida. Quindi la temperatura di bulbo umido di 35°C, che è il massimo che il corpo umano può sopportare, verrebbe raggiunta con il 100% di umidità a quella temperatura.

La temperatura di bulbo umido di 35°C, che è il massimo che il corpo umano può sopportare e che è diversa dalla temperatura dell'aria, verrebbe raggiunta con il 100% di umidità a quella temperatura.

Ma se la temperatura dell'aria fosse ad esempio di 45°C, questo valore di bulbo umido si otterrebbe con un'umidità relativa del 51%. Questo perché con una temperatura maggiore l'aria accetta un volume maggiore di vapore acqueo. Se eleviamo il nostro esempio a una temperatura dell'aria di 50°C, tale situazione si verificherebbe con un'umidità relativa del 38%.

Ora, in ambienti tropicali questo scenario può verificarsi più facilmente. Se immaginiamo una temperatura di 39°C e un'umidità relativa del 77%, il bulbo umido sarà di 35°C, il valore di rischio più alto, come indicato da Colin Raymond, ricercatore "postdoc" (post-dottorato) presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, che studia le situazioni di caldo estremo e ha partecipato alla ricerca. Uno dei segnali di allarme è che il pianeta si sta riscaldando molto più velocemente di quanto il corpo umano possa adattarsi.

Una minaccia al ritmo del riscaldamento globale

Il motivo per cui le persone non possono sopravvivere a temperature elevate e con elevata umidità è che non possono più regolare la loro temperatura interna. "Se la temperatura del bulbo umido supera la temperatura del corpo umano, puoi continuare a sudare, ma non sarai in grado di raffreddare il corpo alla temperatura necessaria per funzionare fisiologicamente", ha detto Raymond a LiveScience. A questo punto il corpo va in ipertermia, cioè supera i 40 gradi Celsius.

Bulbo húmedo
La temperatura di bulbo umido si ottiene avvolgendo un termometro in un panno umido.

Una temperatura di bulbo umido di 35°C non causerà la morte immediata; Probabilmente ci vorranno circa 3 ore perché quel caldo sia insormontabile, ha detto Raymond. Non c'è modo di sapere con certezza la quantità esatta di tempo, ma gli studi hanno cercato di stimarla immergendo i volontari in serbatoi di acqua calda e tirandoli fuori quando la loro temperatura corporea ha iniziato a salire in modo incontrollabile.

Neanche questo valore è del tutto accurato ed è stato calcolato un intervallo tra 34 e 36,5°C. Questi valori sono stati calcolati su uno stato di riposo senza un maggiore dispendio energetico. L'esercizio e l'esposizione alla luce solare diretta facilitano il surriscaldamento, quindi l'effetto può essere raggiunto molto prima. Anche le persone anziane, quelle con determinate malattie come l'obesità e quelle che assumono antipsicotici non possono regolare la loro temperatura, rendendo più facile per il calore ucciderle. L'aria condizionata può salvare molte persone dalla morte, perché quelle temperature e condizioni possono verificarsi all'interno di case scarsamente isolate dal caldo esterno.

Da qui l'importanza che le città aiutino a rinfrescare gli spazi, cosa che già fanno alcune aree urbane come New York. Pochi luoghi hanno raggiunto una temperatura di bulbo umido di 35°C nella storia registrata, secondo lo studio Science Advances. Dalla fine degli anni '80 e '90, i punti caldi sono stati la valle del fiume Indo nel Pakistan centrale e settentrionale e la costa meridionale del Golfo Persico. "Ci sono posti che stanno già iniziando a sperimentare queste condizioni per un'ora o due", ha detto Raymond. "E con il riscaldamento globale, questo sarà sempre più diffuso". Tra i luoghi che rischiano di sperimentare queste temperature nei prossimi 30-50 anni ci sono il Messico nordoccidentale, l'India settentrionale, il sud-est asiatico e l'Africa occidentale, ha aggiunto.